Dal 20 al 22 giugno Rio de Janeiro ospiterà La Conferenza Onu sullo Sviluppo Sostenibile

Dal 20 al 22 giugnoavrà luogo la Conferenza RIO+20 a Rio de Janeiro, in Brasile. Il tema di quest’anno è Green Economy e Governance per lo sviluppo sostenibile. RIO+ 20 è il nome informale per indicare la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile. Quest’anno è il 20° anniversario della Conferenza delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo che si tenne nel 1992 sempre a Rio de Janeiro, e il 10° anniversario del Vertice Mondiale del 2002 sullo Sviluppo Sostenibile tenutosi a Johannesburg,

Rio+20 deve puntare su uno sviluppo sostenibile che includa i diritti umani.

In un comunicato congiunto rivolto ai Ministri dell’Ambiente e degli Affari Esteri riuniti a Rio, Amnesty International e Human Rights Watch hanno affermato che i leader mondiali hanno l’occasione irripetibile di creare un legame significativo tra lo sviluppo sostenibile ed i diritti umani. Capi di Stato, funzionari governativi, e altri attori non governativi si riuniranno dal 20 al 22 giugno 2012 a Rio de Janeiro per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (+20). Lo scopo è fare il punto dei progressi compiuti 20 anni dopo rispetto agli impegni assunti nel 1992 alla Conferenza delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo dalla quale scaturirono la Dichiarazione di Rio,

Il Festival dell’Economia Ecologica giunge alla terza edizione

“Quanto Basta”, il Festival dell’Economia Ecologica, dopo il successo delle prime due edizioni svoltesi rispettivamente nel 2010 e nel 2011, approderà a Piombino dove da martedì 5 a sabato 9 giugno si svolgerà la sua terza edizione. L’evento, realizzato da Sicrea e promosso da Regione Toscana, Provincia di Livorno e Comune di Piombino con il contributo della Camera di Commercio di Livorno, si suddividerà in cinque giorni di dibattiti, confronti e ospiti internazionali per riflettere sui cambiamenti,

Voler bene all’Italia 2012

Il prossimo 3 giugno torna “Voler bene all’Italia”, l’iniziativa organizzata da Legambiente insieme a un vasto comitato promotore che tiene insieme oltre 50 sigle di realtà territoriali, che è volta a celebrare i piccoli comuni italiani e che dal 2011 ha ricevuto anche l’Adesione del Presidente della Repubblica .

Lo scopo di questa festa è celebrare i migliaia di piccoli borghi sparsi lungo tutta la Penisola, riconoscere l’importanza di valorizzare e celebrare le risorse dei nostri borghi,

Il Ministero dell’Ambiente promuove il primo Green Camping

Il Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, lancia il primo Greening Camp che si svolgerà a Roma il prossimo 31 Maggio. Il progetto ha lo scopo di delineare “una frontiera verde oltre la crisi” perchè all’Italia serve maggiore consapevolezza e capacità di individuare un percorso di cambiamento e di sviluppo improntato sulla green economy. Per uscire da una situazione complessa e difficile, non solo da un punto di vista economico ma anche e soprattutto da quello sociale ed ecologico,

Festa Oasi WWF 2012

In tutta Italia sono oltre 100 le Oasi WWF, luoghi di straordinaria bellezza nati per difendere la biodiversità: un patrimonio unico di colori, profumi e suoni della natura.
Le Oasi WWF sono la risposta alla distruzione e al degrado degli habitat nel nostro Paese. Sono esempi di come sia possibile agire concretamente per custodire ed aumentare la biodiversità. Boschi, tratti di costa, fiumi, laghi, montagne dove la natura è viva e protetta: più di 100 luoghi straordinari dove specie animali e vegetali hanno trovato rifugio,

La Commissione Europea organizza una competizione energetica tra le scuole

U4energy è la prima competizione pan-europea sull’educazione energetica, organizzata dalla Commissione Europea, che permette di gareggiare con le scuole di tutta Europa e condividere i risultati al di là delle proprie frontiere nazionali.

I principali obiettivi di U4energy sono sensibilizzare i giovani all’importanza dell’efficienza energetica e dare riconoscimenti e visibilità agli sforzi di insegnanti e alunni che propongono progetti innovativi ponendosi come modelli da seguire.

Le scuole primarie e secondarie di tutta Europa (possono partecipare le scuole dei 27 Stati Membri dell’UE,