Un rapporto Onu sui disastri naturali nell’Asia Pacifica

I paesi dell’Asia Pacifica devono riunirsi per superare le calamità naturali che hanno arretrato la strada della regione verso la ripresa economica, ha detto oggi a Bangkok un funzionario delle Nazioni Unite all’inizio di un meeting di tre giorni sulla riduzione dei rischi.

“Un aumento di eventi meteorologici estremi e calamità naturali senza precedenti hanno arretrato la ripresa economica della Asia Pacifica e i progressi nello sviluppo che richiedono una risposta comune regionale”, ha detto Nagesh Kumar, Vice Segretario esecutivo della Commissione economica e sociale per l’Asia e il Pacifico (ESCAP).

Rappresentanti di 31 paesi e 22 organizzazioni internazionali partecipano alla conferenza che studierà una relazione delle Nazioni Unite sulle catastrofi naturali nella regione. Secondo il rapporto, la regione ha subito, dal 1980 al 2009, l’85% dei decessi e il 38% delle perdite economiche globali a causa di disastri. Quasi il 90 per cento di tutte le persone colpite da disastri nel 2010 vivevano in Asia. Una caratteristica comune della regione è l’alta concentrazione delle popolazioni nelle aree sismicamente attive.

“Questa sessione si svolge in un momento in cui la regione deve ancora riprendersi completamente dagli shock esterni dalla crisi finanziaria globale, e le catastrofi contribuiscono al peggioramento della situazione e minano gli sforzi della regione per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDG),” ha detto Mr. Kumar. Inoltre l’ondata di catastrofi in molti paesi negli ultimi anni ha colpito la situazione della sicurezza alimentare, aggravando ulteriormente i prezzi dei generi alimentari.

Durante la conferenza, un gruppo di alto livello di delegati governativi condivideranno conoscenze sulle tendenze emergenti nei disastri e sugli aspetti socio-economici, di sviluppo e ambientali, riferisce l’ESCAP. A marzo si terrà anche una presentazione speciale sulle sfide e le lezioni apprese a seguito del devastante terremoto e tsunami del Giappone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *