WWF lancia il “Progetto Lupo” per proteggere la specie dai bracconieri

Circa 800-1000 lupi vivono sulle Alpi e sugli Appennini,oltre 100, ogni anno, finiscono nei lacci dei bracconieri, sono vittima dei bocconi avvelenati o vengono impallinati da bracconieri senza scrupoli. I pericoli non sono finiti, anzi. Per questo WWF lancia il Progetto Lupo.

Già 40 anni fa il WWF e il Parco Nazionale d’Abruzzo, con “l’Operazione San Francesco”, riuscirono ad avviare il primo progetto di conservazione del lupo in Italia e nel 1976, anche grazie al WWF e alla solidarietà di moltissimi amanti della natura, la specie venne integralmente protetta per legge. Oggi però muoiono più lupi che in passato. Si stima che ogni anno vengano uccisi oltre 100 lupi. Il bracconaggio continua ad essere la prima minaccia, ancora oggi la legge esistente non viene applicata come dovrebbe: negli oltre 20 anni, a fronte dei centinaia di esemplari uccisi illegalmente, sono troppo pochi i procedimenti aperti per incriminazione ai bracconieri. Oltre al bracconaggio altre minacce sono la frammentazione e il degrado dell’habitat, che sta consumando gli ambienti più adatti per la sua sopravvivenza, e l’ibridazione lupo-cane.

Con il Progetto Lupo, il WWF chiede aiuto e supporto per migliorare la situazione della specie e si pone diversi obiettivi:

  • Battersi contro la crudele pratica del bracconaggio (80.000 euro l’anno).
  • Nei Centri di Recupero per Animali Selvatici WWF continuare a prendersi cura di tutti quei lupi feriti dai bracconieri, trovati in difficoltà o investiti sulle strade (60.000 euro l’anno).
  • Favorire l’impiego di tecniche tradizionali di pastorizia per scoraggiare eventuali attacchi del predatore agli allevamenti dell’uomo e diminuire in questo modo il conflitto uomo-lupo (50.000 euro l’anno).
  • Creare corridoi verdi protetti, in modo che i lupi possano spostarsi da un tratto di bosco all’altro, al riparo da pericoli e minacce (40.000 euro l’anno).
  • Aumentare la sorveglianza dei luoghi dove è più frequente la presenza del lupo (30.000 euro l’anno).
[Fonte: WWF]